Snapchat

La nota applicazione mobile Snapchat è stata creata nel 2011 da Bobby Murphy, Reggie Brown e Evan Spiegel, che lavorarono ad un progetto inizialmente chiamato Picaboo. Dopo poco tempo, il trio di creatori si sciolse, e rimasero a Murphy e Spiegel a sviluppare l’applicazione. In seguito al lancio sui dispositivi IOS lo stesso anno, l’applicazione raggiunse un successo planetario grazie al fatto che le foto e i video non fossero permanenti e scomparissero dopo poco tempo.

Il primo logo del brand, creato da uno dei fondatori nel 2011, era formato dall’icona di un fantasma bianco che presentava una faccia sorridente che fa la linguaccia, racchiuso da un contorno nero e posto in un quadrato dai bordi arrotondati di colore giallo. Questo primo logo presentava inoltre un effetto tridimensionale dello sfondo, in quanto erano presenti diverse tonalità del giallo.

Nel 2013 il brand decide di modificare il proprio logo togliendo la faccia dal fantasma, rendendolo perciò interamente bianco, e uniformando il colore dello sfondo, ora di un giallo brillante. La motivazione fornita dai creatori per la modifica effettuata al logo del brand è che in questo modo ogni utente si può identificare nel fantasma, ma i più scettici pensano che il restyling possa essere stato indotto da problemi legali legati al copyright.

Il logo attuale risale al 2019, quando il brand ha cambiato la propria icona senza alcun annuncio ufficiale: semplicemente, il nuovo "fantasma" è comparso con l'aggiornamento dell'applicazione e da allora Snapchat ha cominciato a utilizzare questo nuovo emblema anche nel sito ufficiale del brand. Il logo odierno è quasi invariato rispetto al precedente: il fantasma bianco al centro del logo presenta uno spesso bordo nero, mentre il colore dello sfondo rimane lo stesso della versione precedente.

La scelta del fantasma come emblema del brand non è affatto casuale: esso rappresenta infatti la natura non permanente delle immagini all’interno dell’applicazione. Il simpatico fantasmino ha addirittura un nome: si chiama Ghostface Chillah, in onore del rapper americano Ghostface Killah del gruppo musicale gangster Wu-Tang Clan, di cui uno dei fondatori era grande fan.

Il colore giallo utilizzato come sfondo del logo, la quale tonalità è Pantone Yellow U o Hex 0xFFFC00, è stato scelto dai creatori in quanto altre nessun’altra applicazione simile lo utilizzava.

 

---
Si ringrazia Giorgia Bresciani, studentessa della Facoltà di Scienze Linguistiche dell'Università Cattolica di Milano,  per aver collaborato alla ricerca delle informazioni e alla composizione di questa LOGO TALE.

Scopri altre storie...