TikTok, 15 secondi di creatività: interattività continua, inclusione e tutela della privacy
News
TikTok, 15 secondi di creatività: interattività continua, inclusione e tutela della privacy
13 Gennaio 2020

DIGITAL

La piattaforma, in continua ascesa, stimola la creatività personale e, al contempo, si occupa di sensibilizzare sul tema della privacy, per tutelare soprattutto gli utenti più giovani.

TikTok è un’app fondata nel 2017, anno nel quale acquisisce Musical.ly, e viene lanciata ufficialmente in tutto il mondo nel 2018. Oggi è presente in oltre 150 Paesi e tradotta in 75 lingue. È diventata la piattaforma di intrattenimento preferita dalla Gen Z, nonché la destinazione prescelta per la creazione e fruizione di brevi video direttamente dal proprio smartphone.

La mission di TikTok è “ispirare la creatività e portare allegria”: TikTok ha infatti l’obiettivo di stimolare e aiutare l’espressione creativa, incoraggiando gli utenti a condividere le proprie passioni e momenti della loro vita reale attraverso video di 15 secondi.

 

Come funziona?

Aprendo Tik Tok, il fruitore ha a disposizione una vasta gamma di strumenti di video-editing e video-registrazione, facili da usare, tra cui effetti speciali, filtri, adesivi, oggetti di realtà aumentata (AR), musica e altro ancora. Tutto ciò per supportare i creator nello sviluppo dei propri contenuti in modo da esprimere al meglio il loro talento, il desiderio creativo e le passioni: dalla musica alla comicità, dalle arti - sia figurative che performative - allo sport, dal mondo del beauty a quello del travel. Più gli utenti apprezzano e interagiscono con i video, più i loro feed diventano pertinenti e su misura per le loro preferenze individuali.

TikTok si presenta come piattaforma inclusiva, incoraggia ad essere se stessi, ad andare oltre le etichette e a mostrarsi per come si è all’interno della community dove tutti si comportano allo stesso modo. Inoltre, TikTok ha una delle community online più attive ed interattive. L’interazione e lo scambio con gli altri utenti, in particolare attraverso le sfide interattive (così dette challenge) e argomenti di tendenza (hashtag), permettono a ciascuno di sentirsi parte della community, di esprimere le proprie caratteristiche distintive e valorizzare le proprie differenze in argomenti comuni e di stabilire connessioni positive con persone collegate da ogni parte del mondo.

 

I numeri e i trend di TikTok nel 2019

Nel 2019 sono stati 236 i video caricati in media ogni minuto soltanto nel nostro Paese su TikTok: danze, meme, creatività, video virali e celebrità sono fra gli elementi che hanno portato la piattaforma a diventare uno dei maggiori fenomeni dell’anno in Italia. Le ore più creative per gli Italiani? La pausa pranzo, dalle 12:30 alle 14:00, e la sera dopo le 20:00.

Alcuni dei trend del 2019 sono nati proprio su TikTok, per poi diventare parte delle conversazioni di tutti i giorni. La community italiana si è distinta in particolare per creatività e senso dell’umorismo. Ad esempio diversi challenge e trend globali sono stati rielaborati dai creator italiani che hanno saputo aggiungere un tocco originale, come #nowlookatme - la challenge globale in cui si mostra in modo spettacolare un cambio d’abito; altri sono nati proprio in Italia per poi diventare trend in tutto il mondo, come la hit “Senza Filtro” di Loomy o il trend #carote. Proprio il settore musicale è quello che ha visto la nascita di alcuni dei talenti più apprezzati di quest’anno tra cui Vago con la canzone “Io e Lei”, Random con “Chiasso” o Dandy Turner con “Troppi Sguardi”.

 

Tra i creator più amati che sono nati proprio su TikTok troviamo Gabriele Vagnato, Cecilia Cantarano, e Daniele Davì. Non mancano poi i creator che parlano alle famiglie, come Vanessa Padovani, o quelli che realizzano i propri video con l’aiuto dei nonni, tra cui spicca Botteo. Tutto ciò a conferma del fatto che sulla piattaforma chiunque può lasciare libera la creatività, esprimere il proprio talento e divertirsi, ma anche e soprattutto trovare messaggi positivi come l’inclusione e l’accettazione di sé. Molte sono infatti state le campagne sociali promosse su TikTok tra cui ricordiamo le challenge #SaveOurOceans, #TheRealChallenge e #ForClimate.

 

La sicurezza e la privacy al centro

TikTok ha sviluppato una serie di risorse, policy e linee guida per la community per promuovere un ambiente positivo. Per fornire ulteriore e continuo supporto ai creator della community è stato inoltre creato il Centro Sicurezza, sezione dedicata del sito e app che include numerose misure, strumenti di controllo e impostazioni di privacy che TikTok ha messo a punto specificamente per proteggere gli utenti da un uso improprio. Riportiamo di seguito i 10 consigli, rilasciati da TikTok, rivolti alle famiglie al fine di vivere un’esperienza ottimale sulla piattaforma:

  1. Abilitare il Parental Control
  2. Impostare l'account come privato
  3. Decidere chi può seguire un altro utente
  4. Limitare il contenuto visibile sul proprio feed
  5. Controllare la sezione dei commenti
  6. Impostare le preferenze di messaggistica
  7. Limitare i duetti
  8. Segnalare violazioni delle linee guida
  9. Limitare il tempo sull’app
  10. Creare un video insieme

 

L’impegno di TikTok per garantire la tutela della privacy dei propri utenti ha l’obiettivo di sensibilizzare riguardo a tematiche attuali, quali, ad esempio, il cyber bullismo e la creazione di fake profile con intenti ingannevoli. L’invito ad esprimere se stessi, senza filtri, deve essere necessariamente accompagnato da un messaggio educativo, che promuova i valori del rispetto e dell’inclusione. Risulta importante, dunque, che lo slancio creativo e di entertainment abbia un riscontro anche nella responsabilità sociale della piattaforma, soprattutto perché essa si rivolge principalmente ai più giovani.

Ti potrebbe interessare anche...

Una ricerca pubblicata dall’Harvard Business Review dimostra che 8 giovani su 10 scelgono un dress code business anche per lo smart working, in quanto il look business professional è il prediletto da chi vuole apparire esperto agli occhi di clienti e colleghi.

Addio pericolosissimi mattoncini LEGO sotto ai piedi di mamme e papà: dalla collaborazione fra IKEA e LEGO è nata una soluzione per mettere in ordine le proprie costruzioni dopo averci giocato.