South Working in Alto Molise: “Non avete più scuse, ora potete anche tornare"
Brand Trends
South Working in Alto Molise: “Non avete più scuse, ora potete anche tornare"
16 Settembre 2020

GIOVANI

Smart working ed e-learning hanno prodotto lo svuotamento di grandi città: i fuori sede sono rientrati nei luoghi di origine. Per gentile concessione della testata Restoalsud.it e del giornalista Giovanni Ciaccio, ripubblichiamo questa interessante riflessione sul "south working".

Fine serata. Io e le mie amiche siamo seduti a un tavolo di plastica, in un bar del paese accanto al mio. In Alto Molise, anche se è agosto fa freschino e tutti abbiamo messo il giubbino. Sono le due e si è alzato il tipico venticello che ti accarezza e quasi ti culla. Perfetto per dormire! Noi però continuiamo a parlare con l’ultimo arrivato. Sul tavolo, gli ultimi avanzi di un limoncello, un posacenere sporco. Il bar è semivuoto, tutti sono tornati a casa, o quasi. Insomma è l’atmosfera perfetta per fare quattro chiacchiere.

 

“Tu che fai, Già” chiede il ragazzo a una delle mie amiche. Lei risponde e gli spiega che fa la consulente in un’azienda. Lavora a partita iva e impiega tipo due ore per andare da Tiburtina alla sede dell’azienda. Poi tocca ad Anna che lavora per una SPA e, praticamente, ora, dopo anni, comincia a trovare pace. Quindi si passa a Ida che è rimasta a casa, in provincia, come me. Ida si divide tra un paio di lavori e un esame di stato che pare un parto (quest’anno ci hanno messo più i risultati ad uscire che io ad arrivare alla fatidica fase del “mi manca un esame e la tesi”. Il che è tutto dire!).

 

Ci vuole un attimo, prima che la conversazione volga al “Roma è un incubo. Se non c’hai la macchina non vivi. E se ce l’hai devi accollarti le spese del garage”. Si parla di motorini e del timore di smuoversi sul GRA sulle due ruote, dei mezzi fatiscenti, della complessità della città eterna che, praticamente, ti risucchia eliminando ogni straccio di vita privata.

 

Io, provo a intervenire, ma faccio la figura del provincialotto. La serata finisce e guidando verso casa una voce continua risuonarmi in testa. Anzi: grida! Non posso non zittirla, non posso ripulirla o renderla meno volgare: ma se in città ci state così male, che ci rimanete a fare?

 

Sì. Io ho vissuto in città, anche se per poco, ma, poi, a un certo punto mi sono detto che non ne valeva la pena, che non volevo più costringermi a una vita fatta di costanti ritardi, di attese, di tempo sprecato in una ruga della metro B, regalando 0,25 centesimi al minuto a una multinazionale del petrolio, su una 500 rossa. Roma è stupenda, è spettacolare, ma, parliamone: siamo sicuri che il mito della grande città rispecchi davvero le nostre aspettative?

 

Uhm… Non credo nelle risposte secche, univoche perciò direi che dipende da ciò che fai o vuoi fare. In linea generale però tenderei a dire che in paese si vive meglio e con poco.

 

Come mi piace ripetere con i miei amici, io sono una partita iva semplice: lavoro, fatturo, accantono le tasse e cerco di farmi passare qualche sfizio. Risparmio, ma vado in palestra, compro un sacco su Amazon, viaggio. Io, in paese, faccio la bella vita, devo essere onesto. Tuttavia, a essere sinceri, credo che sull’Appennino, o comunque nei piccoli centri, tutti possano fare la bella vita. Ammesso che lavorino, certo.

 

È qui però che viene il nodo gordiano della faccenda: è necessario stare in città per lavorare? Dai, ancora crediamo a questa leggenda metropolitana? Ok, ci sono un sacco di impieghi che possono essere svolti solo nei palazzoni dell’Eur o, che so, del centro Direzionale a Napoli o vicino l’Isola a Milano, ma ce ne sono molti altri che possiamo portare a termine da remoto.

 

A dirlo non sono io, innamorato delle montagne del Molise e del mio borgo, ma numeri e statistiche. Ne cito qualcuno, giusto per: stando a uno studio dell’Osservatorio del Polimi, per esempio, pare che lo smart working abbia avuto un incremento del 20% in confronto al 2018 (Vita riporta qualche cifra). Ancora, stando alle pagine del Corriere della Sera, per il 77% dei manager che stanno adottando queste pratiche, il lavoro intelligente non intaccherebbe la produttività dei team, ma, anzi, la accresce. Per il 66% degli intervistati, addirittura, permette di organizzare meglio l’agenda e gestire la giornata in modo più efficiente. Qualche esempio? HuffPost ha raccontato tra le sue pagine diverse storie di South Working: vite vissute al Sud, tra le bellezze del mare stupendo e del costo della vita ridotto, pur lavorando per la europeissima Milano.

 

La domanda allora sorge spontanea. Se ci stai male, che diavolo ci fate nelle vostre inquinate, rumorose e incasinate città, quando con ogni probabilità avrete una seconda casa in uno dei tantissimi paesi italiani?

 

È veramente vita questa? È davvero quello per cui avete sudato, studiato tanto? Onestamente fatico a credere che quando avete finito le superiori e avete cominciato l’università, avete cercato lavoro, lo avete fatto con l’obiettivo di lavorare 8 ore al giorno, passando due ore nel traffico, per poi arrivare a fine mese con un risparmio di qualche centinaio di euro (se tutto va bene).

 

Ripeto: sarò di parte, ma, nel mio piccolo, lavoro, esco, faccio aperitivo, ceno fuori ogni settimana, pratico sport e, sì, quando ho voglia, organizzo un bel week-end e vado a perdermi nella bellezza del Colosseo o tra i sanpietrini di Roma. Non voglio dire che la mia scelta sia definitiva, questa non è una campagna mendace che serve a raccontarvi che nell’entroterra sia tutto bello e perfetto. Al contrario! Qui, in provincia, ci sono disservizi, un assetto stradario che spesso è inefficiente e carenza di mezzi pubblici, ma non ricordo che i mezzi Atac fossero messi così bene. La differenza? Semplice: che qui vivere mi costa un terzo. Lo ammetto: finora abito in casa con i miei, ma nei miei progetti c’è proprio un trasloco in uno spazio tutto mio.

 

Ragazzi, ragazze, coetanei e non, per farla breve quello che sto cercando di dire è questo: i paesi non sono l’utopia, ma ci si vive benissimo. Onestamente non so se resterò per sempre qui, tuttavia è ora che capiate una cosa: tra gli unici effetti positivi di questa pandemia, c’è la scoperta di un nuovo modo di vivere, la definizione di nuove geografie. È ora che puoi approfittare di questo cambiamento, sperimentare una nuova esperienza. Puoi scegliere! Ecco è ora che capiamo che se volete tornare, se volete vivere in una cittadina potete farlo. È ora che vi rendiate conto che un paese ci vuole. E non solo per il gusto di andarsene via.

 

A cura di

Giovanni Ciaccio

Giornalista dal 2014, oggi si occupa di Inbound e Content Marketing sia da freelance che per conto di YourTarget, agenzia specializzata. Innamorato del Molise e amante dell’entroterra italiano, scrive per passione e per lavoro. Legge tantissimo, soprattutto thriller, divora serie TV. Gode delle vedute sannite in sella della sua bicicletta e prova a immortalare quei momenti per trasformarli in #storieinunafoto.

Ti potrebbe interessare anche...

Dopo 10 anni, tornano nel banco frigo i ravioli dolci al cioccolato di Giovanni Rana, con una nuova forma, un nuovo nome e un nuovo packaging. Cos'altro è cambiato dal 2009 a oggi?

Pasta la victoria siempre! Questo il motto del Movimento Grandi Minuti, nato per ottenere dai produttori di pasta l’indicazione dei minuti di cottura dei prodotti in maniera evidente sulle confezioni. Ecco come alcuni brand hanno deciso di rispondere sui social a questa singolare sfida.