Vivere con Lentezza Onlus crea #SlowChristmas, raccolta fondi per dare sostegno nelle baraccopoli di Jaipur
News
Vivere con Lentezza Onlus crea #SlowChristmas, raccolta fondi per dare sostegno nelle baraccopoli di Jaipur
30 Novembre 2020

SLOWBRAND

Con piacere segnaliamo e sosteniamo Progetto India - Le bambine sono il futuro, iniziativa di Vivere con Lentezza Onlus: una raccolta fondi a favore delle famiglie in difficoltà nelle baraccopoli di Jaipur.

Brandforum da anni collabora con “L'Arte del Vivere con Lentezza”, un progetto creato tra Pavia e Milano da Bruno Contigiani nel 1999. Diventato associazione nel 2005, ha come obiettivo principale quello di invitare le persone a "rallentare", per riscoprirsi e riscoprire il proprio ritmo.

Il nostro Osservatorio ha più volte cooperato con questa Associazione: tra le varie attività, ricordiamo l’ideazione congiunta dello Slow Brand Festival nel 2015 ma anche lo scorso anno l’Adozione a distanza di una giovane donna indiana, desiderosa di continuare i propri studi all’interno di un contesto molto complesso e sfidante.

Per questo motivo, con immenso piacere, abbiamo deciso di sostenere la Onlus in questa sua ulteriore iniziativa dedicata a sostenere famiglie residenti in India, nelle baraccopoli di Jaipur. Il Progetto India nasce nel 2005 con l’obiettivo di sviluppare scuole all'interno delle bidonville, migliorare l’accesso all’acqua potabile e avviare programmi per una nutrizione completa e bilanciata. Ma non solo.

Alcuni volontari dell'Associazione incontrano le famiglie che abitano nelle baraccopoli di Jaipur

Nei mesi scorsi abbiamo tutti vissuto un momento di difficoltà dovuto all’avvento dell’emergenza sanitaria derivata dal COVID-19. Abbiamo cercato di recuperare la nostra quotidianità cantando in coro dai balconi, riscoprendo vecchi amici e conoscendo persone nuove. Tuttavia, siamo rimasti un po' delusi dal riaffacciarsi delle difficoltà che pensavamo di aver superato.

E' giunto il momento di rimboccarci le maniche e un modo per farlo è renderci utili agli altri.

Vivere con lentezza Onlus, con Progetto India - le bambine sono il futuro ha deciso in occasione del Natale di avviare una raccolta fondi per cercare di tenere in vita i progetti già attivi a Jaipur, nella baraccopoli di Vidhyadhar Nagar.

Vivere con Lentezza Onlus ha da tempo personale operativo tutto l'anno che porta avanti il Progetto India in modo continuativo e aiuta a fissare obiettivi di lungo periodo. Due volte l'anno i suoi volontari portano direttamente gli aiuti economici e in beni di prima necessità ricevuti grazie alle donazioni di privati e aziende.

Prima dell’emergenza sanitaria, quindi, l’impegno era sostenere gli studi dei bambini e ragazzi in difficoltà, per dar loro una vita migliore. Oggi, in seguito al blocco quasi totale delle attività della città, che ha sempre vissuto prettamente di turismo, la Onlus riesce solamente a fornire beni di prima necessità alle famiglie. Tutto questo è possibile grazie al network, consolidato negli anni, che consente all’Associazione di indirizzare un supporto concreto a chi ne ha più bisogno.

Renderci utili non serve solo agli altri ma anche a noi stessi. Vi invitiamo quindi a fare un piccolo gesto che ha un grande valore: assieme possiamo contribuire per fare la differenza.

DONA ORA, CLICCA QUI!

Per ulteriori informazioni sull'Associazione e sull'iniziativa, visita il sito dedicato.

 

Seguite gli aggiornamenti sull'iniziativa sulla pagina Instagram creata ad hoc e sull'album dedicato presente sulla nostra pagina Facebook.

 

Ella Ceppi, Presidente e Fondatrice della Onlus Vivere con Lentezza, in una scuola in India con alcune bimbe sostenute dal progetto "Le bambine sono il futuro"

Allegati

A cura di

Redazione Brandforum.it

Ti potrebbe interessare anche...

Barilla ha lanciato oggi il nuovo packaging degli Abbracci, il cui ricavato sarà devoluto al Fondo di Solidarietà FNOPI (Federazione Nazionale Ordini Professioni Infermieristiche) per supportare medici e infermieri.

Facebook Inc. ha presentato una "New Pages Experience". Tra le novità, la rimozione dei "mi piace" dalle pagine Facebook.