Le donne STEM in mostra al Rolex Learning Center EPFL di Losanna
Brand in Italy
Le donne STEM in mostra al Rolex Learning Center EPFL di Losanna
24/03/2023

EVENTI

Claudia Cagliano racconta STEM passion, un progetto realizzato per celebrare le donne di scienza esposto in diverse città italiane.

“Celebrate le donne nella scienza, oggi e ogni giorno” è l’invito di Nature, la prestigiosa rivista scientifica internazionale, in occasione della Giornata Internazionale delle Donne, una ricorrenza che “può servire a portare speranza, evidenziare i progressi e ispirare le comunità di ricerca a proseguire i loro sforzi per concorrere al raggiungimento di una vera uguaglianza di genere”. (Nature. The international journal of science/9 March 2023 – Vol 615 – p. 187 Springer Nature Limited).

Donne e Scienza: verso una vera uguaglianza di genere

 
Le donne rappresentano un motore vitale del progresso scientifico e una risorsa immensa nell’area STEM (acronimo inglese di Scienza, Tecnologia, Ingegneria, Matematica), anche se occorre fare di più per promuovere la parità di genere. Infatti le donne sono ancora sottorappresentate nelle materie scientifiche: a livello mondiale, secondo i dati Unesco, solo un terzo dei ricercatori sono donne e solo il 15-20% raggiunge posizioni apicali e decisionali; in Italia solo il 18,9% delle ragazze scelgono corsi di laurea in materie scientifiche (fonte: Almalaurea 2021).

Uno dei principali ostacoli al cambiamento culturale è il persistere di un gender gap nella rappresentazione mediatica, che contribuisce ad alimentare gli stereotipi e i pregiudizi relativi all’immagine di chi si dedica alla scienza. La visibilità delle donne STEM nei media è ancora bassa, con una percentuale di donne intervistate del 25-29% e con un tasso di citazione che è la metà rispetto agli uomini, anche nel giornalismo scientifico (fonte: Sara Reardon, Nature 2021).

L’immaginario collettivo è plasmato dalle rappresentazioni che i media – tradizionali e digitali – danno della realtà e, a loro volta, i media attingono dall’immaginario collettivo per costruire le loro narrazioni, in una spirale che si autoalimenta e difficile da interrompere.

Donne e Scienza: dal “telling” al “doing” con l’innovativo progetto STEM passion

 
Con l’obiettivo di contribuire a innovare le narrazioni predominanti, è stato sviluppato il progetto “STEM passion. Un viaggio ispirato da donne nella scienza”, un viaggio per immagini fotografiche, parole e suoni nell’affascinante mondo delle STEM, che mira a mettere in luce, a rendere visibile e celebrare il contributo di eccellenza, passione, umanità e leadership femminile (abbiamo parlato del progetto all’interno di un nostro recente paper).

Ideatrice della mostra e autrice dei ritratti fotografici è Elisabetta Citterio, biologa molecolare, i cui studi si concentrano sui meccanismi molecolari che assicurano la stabilità del genoma, fattore cruciale per contrastare i tumori, specializzatasi in fotografia per passione.

“Come ricercatrice so che ci sono molte donne leader nella scienza, felici e di successo. Il punto è renderle visibili.” Visibilità è stata la parola chiave fonte d’ispirazione.

Con questo intento Elisabetta ha fotografato e intervistato negli ultimi quattro anni oltre quaranta scienziate che lavorano con ruoli diversi in ventidue istituti di ricerca italiani e internazionali, in nove Paesi e 17 città.

STEM Passion al Rolex Learning Center di Losanna: l’avvio del tour europeo

 
La recente tappa europea della mostra multimediale si è tenuta (dal 6 al 19 marzo scorso) presso l’EPFL, il Politecnico federale di Losanna, nel prestigioso Rolex Learning Center, cuore pulsante del Campus, nell’ambito degli eventi per celebrare la Giornata Internazionale dei Diritti delle Donne 2023, organizzata in collaborazione con la Vice Presidenza per la Trasformazione Responsabile EPFL. (Nota: Il campus dell’EPFL, sulle sponde del lago Lemano, ospita una comunità di oltre 15.000 persone di oltre 120 nazionalità, che studiano e lavorano fianco a fianco, beneficiando della compresenza di competenze molto differenziate: dall’ingegneria all’architettura, passando per le scienze di base e della vita).

Immagine 1 – Elisabetta Citterio con la scienziata Susan Gasser, Direttrice della Fondazione dell’Istituto svizzero per la Ricerca Sperimentale sul Cancro (ISREC) e Direttrice dell’Istituto Friedrich Miescher per la ricerca biomedica (FMI), all’evento di inaugurazione della mostra.

“Mi piacerebbe che STEM passion costituisse un incoraggiamento per le future generazioni a intraprendere una carriera scientifica e in particolare per le donne a diventare leader nella scienza” è il desiderio espresso da Elisabetta.

Per contribuire al superamento degli stereotipi di genere, favorendo un processo di empowerment femminile, in linea con l’obiettivo di sostenibilità n. 5 dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite per lo Sviluppo Sostenibile, è importante mostrare dei modelli di ruolo innovativi.

“Andare a incontrare le ricercatrici nei luoghi per loro più significativi, al di fuori dei laboratori di ricerca, mi sembrava il modo più genuino per poter cogliere, oltre al loro lato professionale, qualche aspetto più nascosto e sconosciuto del loro lato umano e della loro personalità. Collaborando nella scelta dell’ambientazione fotografica e ascoltando le loro storie, ho scoperto la loro passione non solo per la scienza, ma anche per la natura, per l’arte, per la storia, per gli sport più diversi e avventurosi o semplicemente il benessere quotidiano sperimentato nel contesto privato e familiare delle loro abitazioni”.

Tra le scienziate fotografate e intervistate, che lavorano con ruoli diversi in Istituti di Ricerca biomedica italiani e internazionali all’avanguardia, ci sono: le direttrici di EMBL, Edith Heard, ed EMBO (organizzazione intergovernativa europea per la ricerca nelle Scienze della Vita), Fiona Watt, la Presidente dell’European Research Council, Maria Leptin; la virologa italiana di fama mondiale, Ilaria Capua, per sette anni Direttrice di One Health Center of Excellence dell’Università della Florida, appena ritornata in Italia per una nuova sfida professionale nel ruolo di Senior Fellow of Global Health per la Johns Hopkins University di Bologna; la Ministra dell’Università e della Ricerca, nel governo Draghi, Maria Cristina Messa, l’Editor-in-Chief della rivista Nature Magdalena Skipper, la Biologa Molecolare e Imprenditrice Sociale Rana Dajani.

La serie originaria di ritratti di scienziate è stata arricchita ulteriormente con nuovi scatti di sette donne professoresse di EPFL, diverse per profilo professionale, origini, età, ciascuna rappresentativa di una delle scuole: Kathryn Hess Bellwald, Sarah Irene Brutton Kenderdine, Negar Kiyavash, Tamar Kohn, Aleksandra Radenovic, la Presidentessa del Swiss Science Council (SSC) Sabine Süsstrunk, Maryna Viazovska, vincitrice nel 2022 della Medaglia Fields, l’equivalente del Premio Nobel per la Matematica.

Il loro contributo alla scienza è trasversale a discipline come la biofisica, la bioingegneria, le nanotecnologie in biologia, la chimica ambientale finalizzata a migliorare la qualità dell’acqua, la fotografia computazionale, il machine learning e la teoria statistica della decisione e soprattutto la matematica pura e applicata, in particolare alla neuroscienza e alla scienza dei materiali.

L’amore per la scienza e la passione per le discipline STEM è il filo rosso che lega le storie di queste donne straordinarie.

La sonorizzazione del percorso espositivo, ad opera del sound designer Andrea Pozzoli, interagisce con i ritratti delle scienziate e con le loro citazioni e coinvolge il pubblico attraverso un video emozionale. La comunicazione visiva online e offline si avvale del contributo della graphic designer Claudia Brambilla.

Le diverse tappe italiane di STEM passion, tra il 2022 e 2023

 
La mostra STEM passion è stata esposta per la prima volta in Italia dal 9 al 27 febbraio 2022, in collaborazione con Fondazione Zoè – Zambon Open Education, presso il Campus scientifico OpenZone di Bresso, alle porte di Milano, e successivamente, nel mese di marzo, a Vicenza, presso la Health&Quality Factory di Zambon e presso Vicenza Città Universitaria. A seguire, ha fatto tappa a Lodi, nell’ambito del Circuito OFF del Festival della Fotografia Etica, e a Verona, dove è stata esposta presso la Camera di Commercio, in collaborazione con il Comitato per l’Orientamento Scolastico e Professionale – COSP Verona, nei mesi di novembre e dicembre 2022, e presso l’Università di Verona, in Polo Santa Marta e Polo Zanotto, dal 12 al 23 febbraio 2023.

Con Losanna, STEM passion ha inaugurato il tour europeo, che avrà come prossima tappa la Germania.

“Let’s inspire more girls in STEM” è la call to action finale del video di presentazione della mostra, visibile al link sottostante.

A cura di

Claudia Cagliano

Docente presso IED Torino e Scuola Holden. Consulente di comunicazione. Laureata in Filosofia, con Master in Comunicazione d’Azienda. Ha lavorato come Account Manager in Agenzie pubblicitarie internazionali. È membro del Network Athena di Pubblicità Progresso. È coautrice di STEMpassion, un progetto multimediale che racconta le eccellenze scientifiche al femminile.

Ti potrebbe interessare anche...

Due nostri giovani inviati raccontano il talk "Inner Development Goals (IDG)", che esplora il legame tra benessere personale e sostenibilità, incoraggiando una trasformazione interna per influenzare positivamente il mondo esterno.
L'8 marzo 2024 è stato presentato "Obiettivo alla seconda", un progetto di Momo By Savigel che coinvolge 12 giovani talenti per la creazione di cover digitali per le nuove maglie del brand, con il supporto di Federmoda Milano e del Comune di Milano.