Campagna #PINKisGOOD promossa dalla Fondazione Veronesi
Brand in Italy
Campagna #PINKisGOOD promossa dalla Fondazione Veronesi
01/10/2015

Patrizia Musso, Direttore di Brandforum.it
Ottobre è il mese dedicato alla lotta contro il tumore al seno. Vi spieghiamo perchè abbiamo scelto di dare il nostro piccolo sostegno a questa importante campagna.

Ottobre è da sempre il mese dedicato alla lotta contro il tumore al seno.

In Italia, ogni anno si ammalano 48.000 donne.

 

La ricerca scientifica ha compiuto passi da gigante: oggi, infatti, guarisce oltre il 90% delle donne a cui il tumore è stato diagnosticato in fase iniziale.

 

Dall’impegno decennale di Fondazione Veronesi nasce il progetto Pink is GOOD http://pinkisgood.it/wp/la-campagna/, che si pone come obiettivo quello di battere definitivamente il tumore al seno, promuovendo la prevenzione, indispensabile per individuare la malattia nelle primissime fasi, e fare informazione sul tema in modo serio, accurato, aggiornato.

 

 

La Redazione di Brandforum.it ha deciso di sostenere la campagna #PINKisGood per contribuire a raccogliere i fondi per finanziare dieci borse di studio per ricercatori specializzati nel cancro alla mammella che lavorano nei migliori centri italiani.

 

Perchè? Certamente siamo una Redazione ad alto tasso PINK, ma abbiamo anche care amiche, colleghe, parenti che hanno passato questa faticosa esperienza e con forza l'hanno superata (qualcuna di loro molto gentilmente ci racconterà come sta partecipando attivamente a questo importantissimo progetto, anche attraverso azioni di fundraising digitale); infine crediamo nella ricerca come fondamento essenziale del nostro vivere, dall'ambito culturale come il nostro fino a quello più delicato del settore medico.

 

Ci sembravano motivi sufficienti per essere tra i portavoce amicali di questo progetto.

 

Come afferma Rebecca Rabozzi, nostra senior editor "Spesso ci lamentiamo per sciocchezze, che nel quotidiano sembrano ostacoli insormontabili. Ma se le mettiamo a confronto con una paura più grande – come può essere la scoperta di un tumore al seno – tutto il resto perde di importanza. Le donne di #PINKisGOOD dimostrano che non ci si deve fermare: bisogna correre, oltre gli ostacoli, oltre le difficoltà. Ci vuole molto coraggio ad affrontare la vita e ancor più coraggio a farsi portavoce per le altre, che ancora non trovano le parole per farlo”.

 

E Alessandra Olietti, nostra senior editor: "Quante volte pensiamo "tanto a me non capiterà" forse perché abbiamo paura e non accettiamo di essere vulnerabili, o semplicemente perché non vogliamo ammettere che le malattie come i momenti brutti accadono senza guardare in faccia a nessuno, ricchi o poveri, disoccupati o manager affermati, donne o uomini… E allora non nascondiamoci dietro un filo d'erba, dietro le paure, dietro i preconcetti. Facciamo la differenza anche con un piccolo gesto, sosteniamo #PinkIsGood, sosteniamo la ricerca!"

 

Patrizia Mastrilli, sempre senior editor, aggiunge: "Proprio qualche anno fa mi occupai della campagna "Nastro Rosa" legata alle iniziative per la lotta contro il tumore al seno qui su brandforum. Tornare a leggere che queste iniziative continuano a rafforzarsi anche grazie a #PinkisGood. Non puó che farmi piacere, sia come donna, sia come figlia che ha vissuto una simile difficoltà in prima persona. Di quei momenti ricordo purtroppo il tanto dolore, le paure e lo sconforto, ma ricordo anche la tanta forza che le donne trovano quando la vita decide di metterle alla prova e il coraggio di affrontare a testa alta una simile battaglia. Immagino spesso la ricerca come un Cavaliere buono pronto a sconfiggere quel mostro cattivo che è la malattia, e se con il passare del tempo il mostro è sempre più solo, ho la certezza che i cavalieri buoni che sostengono la ricerca siano sempre di più. Basta poco per diventare un cavaliere buono, perchè non farlo subito?"

 

Non stupitevi quindi se il rosa comparirà sovente tra le nostre pagine: faremo post sui nostri canali social, ma vedrete anche banner, paper e altre iniziative editoriali sul nostro sito a favore appunto di #PinkIsGood.

 

Ci auguriamo che ci seguirete volentieri in queste settimane, soprattutto per aiutarci a diffondere il concetto portante dell'intera campagna: Pink is good riguarda tutte le donne. Insieme possiamo fermare il tumore al seno!

 

 

 

 

A cura di

Patrizia Musso

Fondatrice di brandforum nel 2000

Direttore Responsabile del sito dal 2001

Professore incaricato del corso annuale di Storia e linguaggi della pubblicità (Facoltà di Scienze Linguistiche, indirizzo in Lingue, comunicazione e media) presso l'Università Cattolica di Milano dove insegna sin dal 1997 (temi: Comunicazione d'impresa interna ed esterna, corsi di laurea Triennali e Magistrali, Fac. Scienze Linguistiche, Fac.Sociologia, Fac. di Economia e Commercio). Presso il medesimo Ateneo sin dal 1993 svolge altresì attività  di ricerca. Dal 2009 insegna altresì Forme e strategie della comunicazione digitale presso il Master in 'Comunicazione, marketing digitale e pubblicità  interattiva' promosso in collaborazione con IAB Italia.

Dal 2014 è Direttore Didattico del Master in Account & Sales Management, Università Cattolica di Milano.

Dal 1998 al 2017 ha collaborato con varie Università ed Enti di formazione ( docenza di Promozione della marca all'Università  IULM di Milano, docenza di Brand communication presso Master IED - area Comunicazione, Marketing & Pubblicità (sede Milano), docenza di Branding e Fenomenologia dei media presso la sede IED di Torino).

Vanta altresì una consolidata esperienza nel settore della consulenza strategica applicata alla comunicazione di marca e d'impresa (esterna e interna) e in quello della formazione aziendale. Dal 1998 al 2004 è stata ricercatore e senior trainer presso la società internazionale Arkema con sede a Parigi di Andrea Semprini, occupandosi di formazione strategica e di ricerche semiotiche applicate al brand  (tra i clienti Barilla, MaxMara, Manzoni ADV).

Dal 2005 opera come free-lance per realtà aziendali prestigiose, collaborando al contempo su specifici progetti di consulenza e formazione strategica con quotati enti e società del settore. Ha collaborato in varie occasioni con l'istituto di ricerca S3Studium come esperto in una serie di indagini Delphi, tra cui 2010: IL VOLTO DELL’ITALIA. Come evolverà il valore intangibile del “made in Italy” e della “Marca Italia” (Coordinamento scientifico Domenico De Masi e Innocenzo Cipolletta, ottobre 2006).

Dal 1993 è autrice di numerosi volumi e saggi dedicati alla comunicazione d'impresa e alla brand communication, tra i più recenti: 
nel gennaio 2017 ha pubblicato la nuova edizione aggiornata e ampliata Slow brand. Vincere imparando a correre più lentamente

Nel 2018, con Alessandra Olietti, ha scritto il volume per FrancoAngeli Turismo digitale. In viaggio tra i click

Nel 2020, con Maria Luisa Bionda, ha curato il volume per FrancoAngeli Brand Renaissance. Nuove tecniche per rivoluzionare la comunicazione organizzativa

Da gennaio 2014 a settembre 2015 è stata membro dell'Advisory Board dell'OBE - Osservatorio Branded Entertainment.

Dal 2017 è Direttore Scientifico di OBE, e cura la rubrica sul Branded Entertainment sulla testata NC-Nuova Comunicazione

Dal 2016 è membro del Council SuperBrands Italia

Nel giugno 2015 ha dato vita alla I edizione dell'evento Slow Brand Festival, in collaborazione con l'Associazione Vivere con Lentezza e la Fondazione Giangiacomo Feltrinelli. Dal giugno 2018 l'evento si tiene con la collaborazione anche di ALMED - Alta Scuola in Media, Comuncazione e Spettacolo - dell'Università Cattolica di Milano.

Profilo Linkedin

Ti potrebbe interessare anche...

Due nostri giovani inviati raccontano il talk "Inner Development Goals (IDG)", che esplora il legame tra benessere personale e sostenibilità, incoraggiando una trasformazione interna per influenzare positivamente il mondo esterno.
L'8 marzo 2024 è stato presentato "Obiettivo alla seconda", un progetto di Momo By Savigel che coinvolge 12 giovani talenti per la creazione di cover digitali per le nuove maglie del brand, con il supporto di Federmoda Milano e del Comune di Milano.