Case cantoniere, verso un turismo sostenibile in chiave slow
Brand in Italy
Case cantoniere, verso un turismo sostenibile in chiave slow
20/01/2016

Alessandra Olietti, Redattore Senior di Brandforum.it
Ridare vita ad uno dei simboli del territorio italiano per trasformarli in brand di turismo slow.

Il nuovo anno parte in ottica slow, in particolare nel settore dei beni pubblici e del turismo.

Il Ministro dei Beni Cultuali – Dario Franceschini, allo scadere del 2015, ha infatti siglato un protocollo di intesa con il Ministro delle Infrastrutture – Graziano Del Rio, il Presidente Anas – Gianni Vittorio Armani, e Roberto Reggi – Direttore dell'Agenzia del Demanio, con lo scopo di riqualificare le case cantoniere.

 

L’idea di dare una nuova vita alle famose case rosso pompeiano, sparse su tutto il territorio italiano e ormai pressoché in disuso, si inserisce a supporto dei nuovi programmi e piani di valorizzazione turistico-culturali del nostro Paese: un progetto che le trasformerà parallelamente in brand per la promozione del turismo sostenibile in Italia.

 

 

Si tratta in particolare di immobili il cui nome deriva dai "cantonieri”, operai addetti alla manutenzione delle strade che per esigenze di servizio avevano necessità di alloggiare sul luogo di lavoro; è per questo motivo che si trovano soprattutto nei pressi di reti stradali divenute poi circuiti turistici.
Tra i più famosi il circuito dell’Appia Antica, la via Francigena, le ciclovie Venezia-Torino e Verona-Firenze, il cammino di San Francesco.

 

 

Il progetto pilota partirà dal prossimo 30 giugno e vedrà la riqualificazione delle prime 30 strutture, integrandosi alla sistemazione di altri beni pubblici dismessi nella zona di intervento. Verranno nel frattempo definiti il “layout di restauro e manutenzione, i servizi di rete e i modelli da sviluppare per raggiungere i diversi target di mercato”, come ha precisato il Presidente Armani.

 

 

Anas ha inoltre lanciato il sito www.casecantoniere.it dove, accanto a mappe interattive e gallery fotografiche, saranno pubblicati i bandi per la gestione degli immobili. Sul sito è inoltre possibile candidarsi come business partner a supporto del progetto.
Una delle idee alla base del progetto è infatti quella di sviluppare, assieme a partner specifici, diversi concept di business in linea con la clientela di riferimento – anche a livello internazionale – che vanno dal relax alla ristorazione, dalla sostenibilità allo sport.

 

 

Parallelamente Anas si è occupata di definire il concept di progetto: la “classica” casa cantoniera a due piani prevederà la zona giorno con una serie di servizi aggiunti per la riparazione delle biciclette, ad esempio, e un bar; al primo piano invece si pensa di ricreare una zona notte ispirandosi agli ostelli per un’accoglienza low cost.

 

 

Mantenere le tradizioni (verrà mantenuto il colore rosso e le scritte) e al tempo stesso attualizzarle al servizio del territorio è, a parere del nostro Osservatorio, un ottimo esempio di attività a supporto del turismo sostenibile che ben si inserisce in una dimensione slow più ampia.
«Questa rappresenta una delle più interessanti occasioni di collaborazione tra Ministeri – ha affermato Delrio – lo stiamo facendo anche per le ferrovie storiche e turistiche, e per tutto ciò che incentiva la mobilità lenta».

 

Un progetto che sappia quindi unire accoglienza, ristorazione e aspetti culturali in un’ottica di sostenibilità slow.

 

Curiosità: l’Anas possiede ben 1244 case cantoniere

A cura di

Alessandra Olietti

Redattore Senior 

Project Manager Eventi

Collabora con Brandforum da gennaio 2012

Forte interesse per la scrittura sul web e sui social, nonché per il mondo del brand, in particolare per le strategie comunicative applicate al business turistico. Su questa tematica nel 2018 ha scritto un libro per FrancoAngeli - "Turismo digitale. In viaggio tra i click" - con Patrizia Musso.

Dal giugno 2015 collabora nell'organizzazione di Slow Brand Festival, un appuntamento annuale - ideato dal Direttore di Brandforum - dedicato alle riflessioni sul fenomeno Slow in Italia. 

Si è laureata con lode presso l’Università Cattolica di Milano con una tesi magistrale sulla comunicazione aziendale attraverso gli spazi, riletta alla luce delle teorie dei media digitali e del marketing esperienziale. Attualmente è Docente a contratto presso il medesimo ateneo, nonché formatore e consulente aziendale

In Università Cattolica è inoltre Career Adviser (CIMO. Comunicazione per le imprese,i media e le organizzazioni complesse) e Coordinatore dell'International Master in Cultural Diplomacy.

Oltre alle attività accademiche, si occupa di Coordinamento Media e Marketing per Alchemilla Cooperativa Sociale  in relazione al progetto "Artoo. L'arte raccontata dai bambini", una start up innovativa che propone un modo nuovo di avvicinarsi all’arte, promuovendo l'autoralità e il protagonismo culturale dei bambini anche in età prescolare.

Nel tempo libero cucina, legge e appena può scappa tra i monti.

Profilo LinkedIn

Ti potrebbe interessare anche...

Due nostri giovani inviati raccontano il talk "Inner Development Goals (IDG)", che esplora il legame tra benessere personale e sostenibilità, incoraggiando una trasformazione interna per influenzare positivamente il mondo esterno.
L'8 marzo 2024 è stato presentato "Obiettivo alla seconda", un progetto di Momo By Savigel che coinvolge 12 giovani talenti per la creazione di cover digitali per le nuove maglie del brand, con il supporto di Federmoda Milano e del Comune di Milano.