Licensing: i Comuni italiani fanno business con i propri brand
Brand in Italy
Licensing: i Comuni italiani fanno business con i propri brand
11/03/2013

Mario Morales Molfino, Redattore Senior, Brandforum.it
Il business delle licenze con i brand di città o musei urbani è uno dei temi portanti della prossima edizione del “Bologna Licensing Trade Fair”, in programma dal 25 al 27 marzo.

Il business delle licenze con i brand di città o musei urbani è uno dei temi portanti della prossima edizione del “Bologna Licensing Trade Fair”, il più importante appuntamento fieristico italiano nel settore della compravendita di licenze e dello sviluppo di prodotti basati su marchi e properties, in programma dal 25 al 27 marzo nel Quartiere fieristico di Bologna.

 

In tempi di crisi economica e di spending review si inizia a valorizzare i brand dei propri comuni, o di alcune istituzioni cittadine come i musei, per la realizzazione di prodotti su licenza che portino denaro fresco nelle casse comunali.

I primi esperimenti sono appena partiti a Milano, a Roma e anche a Venaria Reale (Torino), mentre diverse altre città si stanno muovendo nella stessa direzione.

 

 

Durante il BLTF 2013 saranno presentati i primi progetti di licensing delle municipalità italiane.

 

Il comune di Milano, ad esempio, ha appena affidato ad un’agenzia specializzata un contratto per la gestione del proprio marchio, che consentirà all’amministrazione comunale di incassare un minimo garantito di almeno 400mila euro in cinque anni. Recentemente, è stato anche aperto a piazza San Babila il primo official store dei prodotti di merchandising.

 

Sulla scia dell’esperienza milanese, anche Roma Capitale ha avviato il suo progetto di licensing. E a Venaria Reale (To), il consorzio che gestisce la Reggia, a cui partecipa anche il Comune, ha appena chiuso il primo contratto di licenza: già dalla prossima Pasqua, infatti, la società torinese Gruppo Spes realizzerà prodotti esclusivi di cioccolato artigianale con il marchio dello storico complesso museale, con una previsione di aumento del fatturato di circa il 20% già nel primo anno.


“Queste iniziative di licensing dei comuni italiani sono una delle grandi novità che saranno presentate durante la prossima fiera BLTF”, spiega Marco Momoli, Exhibition Director di BolognaFiere. “Si tratta di progetti con un’evidente potenzialità di crescita, che hanno già suscitato interesse e curiosità in altre città italiane. La nostra manifestazione offrirà dunque l’opportunità di conoscere le metodologie adottate ed i primi risultati raggiunti, così da favorire la diffusione di queste iniziative di business e offrendo ad altri comuni la possibilità di ‘fare cassa’ solo valorizzando i propri marchi cittadini".


Nei tre giorni della fiera, sono previsti ben 20 meeting specializzati dedicati agli operatori del settore (licenzianti, licenziatari, produttori, distributori, aziende di produzione audiovisiva, broadcaster, editori, merchandiser, ecc.), che vedranno la presenza di importanti esperti italiani e stranieri.

 

Saranno affrontati vari argomenti: dal settore della moda a quelli dell’arte, dello sport e del food; dai prodotti di animazione alla lotta alla contraffazione; dai prodotti d’animazione italiana ad anteprime cinematografiche e di nuovi marchi, con l’intervento di testimonial d’eccezione. In particolare, la giornata del 27 marzo sarà dedicata al “Licensing Retail Day”, con la presentazione della prima ricerca sullo stato dell’arte del licensing nel settore del retail (per le categorie abbigliamento, accessori e home décor) e sui prossimi trend.

 

Ulteriori informazioni su www.bolognalicensing.com.

 

 

A cura di

Ti potrebbe interessare anche...

Nel mese di maggio 2023 tre importanti aziende (Felce Azzurra, Industria Maimeri S.p.A. e Rigoni di Asiago) hanno festeggiato i 100 anni dalla loro fondazione e sono state celebrate da Poste Italiane con l’emissione di tre nuovi francobolli.
Il 4 maggio 2023 sono stati emessi cinque francobolli appartenenti alla serie tematica “le Eccellenze del sistema produttivo ed economico”, volti a celebrare cinque marchi storici del settore agroalimentare italiano (ovvero Ambrosoli, Cirio, De Cecco, Santa Rosa e Vismara), tramite alcune peculiarità.