MAX&Co. 2002: un nuovo modo di mettere in scena la moda
Brand in Italy
MAX&Co. 2002: un nuovo modo di mettere in scena la moda
15/03/2002

Patrizia Musso
Max&Co. (catena di punti vendita facente capo a MaxMara Fashion Group s.r.l.) è un brand italiano a respiro internazionale:oltre a una crescente diffusione in Europa, può infatti vantare una prese […]

Max&Co. (catena di punti vendita facente capo a MaxMara Fashion Group s.r.l.) è un brand italiano a respiro internazionale:oltre a una crescente diffusione in Europa, può infatti vantare una presenza consolidata soprattutto nel Medio e nell’Estremo Oriente (Giappone, Hong Kong).

Brandforum.it è stato per voi alla presentazione della collezione Fall/Winter 2002-2003 ‘At Home. A place where you take a break’ (27 febbraio – 1 marzo u.s.). Per l’occasione l’ufficio stampa MAX&Co.- presso la filiale di Milano – è stato allestito in chiave volutamente ‘mediatica’, creando un vero e proprio evento destinato alla stampa di settore, lontano però dai luoghi usuali della kermesse modaiola.I circa 500 giornalisti/e del settore moda sono stati accolti o ancora meglio ‘ospitati’ in un ideale appartamento MAX&Co., dove un’accurata selezione di capi e accessori è stata ricomposta in look completi, privilegiando i singoli pezzi più rappresentativi e individuali della collezione. Gli abiti si potevano toccare, provare, spostare come se si fosse a casa propria.
Una giornalista giapponese a un certo punto ha esclamato raggiante: ‘Wonderful. I feel at home!’.

Nel corso dell’evento abbiamo intervistato Luisa Laudi, Creative Director MAX&Co., per cercare di scoprire come è nata l’idea che è alla base di questa originale presentazione per la stampa.

Può raccontarci il concept di questa originale presentazione?
Abbiamo deciso di rappresentare le collezioni MAX&Co. attraverso la scelta di un luogo, l’edificio che ospita la filiale MaxMara e l’uffico stampa MAX&Co., che per definizione rappresenta per la stampa moda ‘la casa di MAX&Co.’
Da qui l’idea di mettere in scena gli abiti della nuova collezione in un contesto domestico e accogliente per ritrovare una dimensione privata, intima e personale. Per concedersi il tempo di pensare, parlare, ascoltare e osservare da vicino gli abiti Max&CO. Per sentirsi a proprio agio, in un ambiente che idealmente ci appartiene e ci rappresenta.
Un luogo fisico e mentale dove affermare l’individualità  di MAX&Co. e di ogni ragazza. Un rifugio e, insieme, un link. Un microcosmo come specchio del melting globale, dove abiti e oggetti sono il riflesso del métissage di epoche, luoghi e stilisti diversi: un nomadismo culturale tra est e ovest, tra ieri, oggi e
domani.

Quali gli elementi di fondo dell’allestimento?
Era nostra intenzione utilizzare un linguaggio stilistico complesso, ma al tempo stesso completo e molto leggibile.
Per questo abbiamo scelto un allestimento ‘soft’, realizzato attraverso strutture di appenderia lineari, giocato in base ad una palette cromatica essenziale (bianco e marrone) che ha consentito di mettere in grande evidenza i capi di abbigliamento. Solo alcuni tocchi di colore (malva, cipria e mosto) per leggerissimi tendaggi in garza indiana e complementi di arredo quali cuscini e plaid.
Abbiamo rivolto una particolare attenzione all’illuminazione, privilegiando una luce calda, avvolgente, indiretta, al fine di trasmettere una sensazione di piacevole intimità  e relax.

Abbiamo notato la presenza di oggetti d’arredo molto particolari!
Si, abbiamo svolto una ricerca accurata delle radici storiche e ‘colte’ di alcuni complementi di arredo già  presenti all’interno del flagship store di Milano (es. tavolo Knoll e divano Edra). L’individuazione di oggetti di modernariato ‘d’autore’ vissuti, personali, quindi con valore aggiunto rispetto alla produzione industriale. Elementi significativi, domestici e, a nostro avviso, coerenti con l’identità  rigorosamente femminile di MAX&Co.: giovane, aggiornata, dinamica e ‘curiosa’.

Quali i feed-back ottenuti con questa presentazione?
I risultati sono stati davvero molto incoraggianti: oltre ad una notevolissima partecipazione in termini quantitativi abbiamo addirittura potuto contare sul supporto di molti direttori, capiredattori moda e capiservizio di tutte le più importanti testate moda italiane e di un’ottima rappresentanza delle testate moda più importanti nei mercati esteri di riferimento per MAX&Co. (Giappone, Germania, Inghilterra, Belgio, nonché Russia e Corea).

Passando qualche ora nella casa MAX&Co., siamo riusciti a cogliere le impressioni della stampa nazionale e internazionale. Il commento è stato unanime: MAX&Co. sta crescendo sempre più, evolve in modo significativo, stagione dopo stagione e a nostro avviso, è riuscita ad interpretare in modo originale i trend dominanti del marketing relazionale.

Allegati

A cura di

Patrizia Musso

Fondatrice di brandforum nel 2000

Direttore Responsabile del sito dal 2001

Professore incaricato del corso annuale di Storia e linguaggi della pubblicità (Facoltà di Scienze Linguistiche, indirizzo in Lingue, comunicazione e media) presso l'Università Cattolica di Milano dove insegna sin dal 1997 (temi: Comunicazione d'impresa interna ed esterna, corsi di laurea Triennali e Magistrali, Fac. Scienze Linguistiche, Fac.Sociologia, Fac. di Economia e Commercio). Presso il medesimo Ateneo sin dal 1993 svolge altresì attività  di ricerca. Dal 2009 insegna altresì Forme e strategie della comunicazione digitale presso il Master in 'Comunicazione, marketing digitale e pubblicità  interattiva' promosso in collaborazione con IAB Italia.

Dal 2014 è Direttore Didattico del Master in Account & Sales Management, Università Cattolica di Milano.

Dal 1998 al 2017 ha collaborato con varie Università ed Enti di formazione ( docenza di Promozione della marca all'Università  IULM di Milano, docenza di Brand communication presso Master IED - area Comunicazione, Marketing & Pubblicità (sede Milano), docenza di Branding e Fenomenologia dei media presso la sede IED di Torino).

Vanta altresì una consolidata esperienza nel settore della consulenza strategica applicata alla comunicazione di marca e d'impresa (esterna e interna) e in quello della formazione aziendale. Dal 1998 al 2004 è stata ricercatore e senior trainer presso la società internazionale Arkema con sede a Parigi di Andrea Semprini, occupandosi di formazione strategica e di ricerche semiotiche applicate al brand  (tra i clienti Barilla, MaxMara, Manzoni ADV).

Dal 2005 opera come free-lance per realtà aziendali prestigiose, collaborando al contempo su specifici progetti di consulenza e formazione strategica con quotati enti e società del settore. Ha collaborato in varie occasioni con l'istituto di ricerca S3Studium come esperto in una serie di indagini Delphi, tra cui 2010: IL VOLTO DELL’ITALIA. Come evolverà il valore intangibile del “made in Italy” e della “Marca Italia” (Coordinamento scientifico Domenico De Masi e Innocenzo Cipolletta, ottobre 2006).

Dal 1993 è autrice di numerosi volumi e saggi dedicati alla comunicazione d'impresa e alla brand communication, tra i più recenti: 
nel gennaio 2017 ha pubblicato la nuova edizione aggiornata e ampliata Slow brand. Vincere imparando a correre più lentamente

Nel 2018, con Alessandra Olietti, ha scritto il volume per FrancoAngeli Turismo digitale. In viaggio tra i click

Nel 2020, con Maria Luisa Bionda, ha curato il volume per FrancoAngeli Brand Renaissance. Nuove tecniche per rivoluzionare la comunicazione organizzativa

Da gennaio 2014 a settembre 2015 è stata membro dell'Advisory Board dell'OBE - Osservatorio Branded Entertainment.

Dal 2017 è Direttore Scientifico di OBE, e cura la rubrica sul Branded Entertainment sulla testata NC-Nuova Comunicazione

Dal 2016 è membro del Council SuperBrands Italia

Nel giugno 2015 ha dato vita alla I edizione dell'evento Slow Brand Festival, in collaborazione con l'Associazione Vivere con Lentezza e la Fondazione Giangiacomo Feltrinelli. Dal giugno 2018 l'evento si tiene con la collaborazione anche di ALMED - Alta Scuola in Media, Comuncazione e Spettacolo - dell'Università Cattolica di Milano.

Profilo Linkedin

Ti potrebbe interessare anche...

Due nostri giovani inviati raccontano il talk "Inner Development Goals (IDG)", che esplora il legame tra benessere personale e sostenibilità, incoraggiando una trasformazione interna per influenzare positivamente il mondo esterno.
L'8 marzo 2024 è stato presentato "Obiettivo alla seconda", un progetto di Momo By Savigel che coinvolge 12 giovani talenti per la creazione di cover digitali per le nuove maglie del brand, con il supporto di Federmoda Milano e del Comune di Milano.