Un rinoceronte a pois per dare nuovo slancio al brand
Brand Trends
Un rinoceronte a pois per dare nuovo slancio al brand
15/06/2011

Antonino Pintacuda, per gentile concessione MyMarketing.Net
Dieci anni fa tra i best seller spiccò il volo “No Logo”, la bibbia del movimento no global scritto da Naomi Klein. Cos‘è rimasto di quel movimento che si scagliava contro i brand più famosi e le loro politiche aziendali? Poco o niente, il brand è più vivo che mai. Ma va ripensato. MyMarketing.Net ne ha parlato con Patrizia Musso, curatrice del volume “Brand reloading”.

Dieci anni fa tra le piramidi dei best-seller di ogni libreria ai quattro angoli del globo, campeggiava la copertina all black di “No Logo”, la bibbia del movimento no global scritto da Naomi Klein. Cos‘è rimasto di quel movimento che si scagliava contro i brand più famosi e le loro politiche aziendali? Poco o niente, il brand è più vivo che mai. Anzi, è in pieno rinascimento. Ma va ripensato per soddisfare le esigenze di consumatori sempre più imprevedibili e volubili conduce un‘esistenza ondivaga, continuamente in bilico tra il mondo off e il mondo on line. Un pubblico trasversale, dai giovani sempre connessi con i loro device mobili, ai silver surfer, i navigatori più agée.


Va ripensata la stessa pianificazione degli spot in un‘ottica transmediale, che va dal popolarissimo social network in blu di Mark Zuckerberg alla messa in vendita dei prodotti tra spazi "parlanti", digitali e temporanei. E nuove figure prendono sempre più piede: i Glass-Testimonial, l‘Advertainer e l‘Employee brand ambassador. E strumenti che sembravano destinati a un oblio certo possono essere riattualizzati, e dal dimenticatoio ritoranno gli house organ aziendali e gli evergreen eventi brandizzati, accomunati da uno storytelling sempre più strutturato.

 

Come dimostra Brand Reloading. Nuove strategie per comunicare, rappresentare e raccontare la marca”, il bel libro pubblicato dalla FrancoAngeli editore e curato da Patrizia Musso, docente di Linguaggi della pubblicità e di Strategie della comunicazione digitale presso l‘Università Cattolica di Milano che ha ideato e dirige Brandforum.it.

 

MyMarketing.Net l‘ha intervistata.: cliccare qui

 

Per ulteriori info sul volume cliccare qui

Allegati

A cura di

Ti potrebbe interessare anche...

Negli ultimi anni, le produzioni audiovisive e il Branded Entertainment hanno cominciato a raccontare anche i luoghi: sono molte le produzioni che si stanno avvicinando a questa pratica, promuovendo e valorizzando il territorio attraverso destination branding e place branding.
Green marketing o greenwashing? Come sviluppare efficaci strategie in ottica di sostenibilità: i casi Lush e L’Oréal.