“Che storie! Oggetti miti e memorie dai musei e dagli archivi d’impresa” in mostra a Milano
News
“Che storie! Oggetti miti e memorie dai musei e dagli archivi d’impresa” in mostra a Milano
13/04/2013

E’ stata inaugurata lo scorso 10 aprile la mostra “Che storie! Oggetti miti e memorie dai musei e dagli archivi d’impresa”, promossa dal Comune di Milano – Cultura – Palazzo della Ragione, e da Museimpresa – Associazione Nazionale Musei e Archivi d’Impresa.

E' stata inaugurata lo scorso 10 aprile la mostraChe storie! Oggetti miti e memorie dai musei e dagli archivi d’impresa”, promossa dal Comune di Milano – Cultura – Palazzo della Ragione, e da Museimpresa – Associazione Nazionale Musei e Archivi d’Impresa e organizzata in occasione del Salone del Mobile e del Fuori Salone.

 

Un vero e proprio percorso nel “made in Italy” attraverso le collezioni delle più importanti aziende del nostro Paese. La mostra, a ingresso libero, è ospitata a Palazzo della Ragione di Milano, fino al 12 maggio 2013.


L’esposizione, che in Milano trova le sue radici storiche profonde quale culla dell’imprenditorialità, rappresenta un affascinante viaggio alla scoperta delle ricche collezioni di circa 50 musei e archivi d’impresa italiani: un viaggio che accompagna nella rievocazione di storie straordinarie di uomini, imprese e oggetti che hanno lasciato il segno nella nostra società e nella nostra cultura e che insieme hanno contribuito a fare del “made in Italy” una sorta di marchio che tutti ci invidiano.


La mostra, curata da Davide Ravasi, Professore di Management presso la Cass Business School di Londra, si snoda attorno a quattro aree tematiche: la prima si concentra sulla Storia e la Memoria delle imprese e su come i musei e gli archivi tengano traccia dei cambiamenti documentando l’evoluzione, negli anni (con materiale fotografico, immagini, oggetti), della cultura materiale della nostra società.

 

La seconda sezione tocca i temi del Mito e della Passione evidenziando come alcuni prodotti del made in Italy (citando a titolo di esempio la macchina da caffè anni 50, la Ferrari, la Vespa) siano diventati veri e propri oggetti culturali carichi di valenze simboliche e parte di un immaginario collettivo nazionale e internazionale.

 

Segue la sezione Scoperta e Meraviglia dedicata al mondo che sta dietro agli oggetti che usiamo quotidianamente senza mai chiederci da dove vengano, come siano stati progettati e prodotti e di come siano arrivati fino a noi. Anche in questo caso, musei e archivi d’Impresa, raccontano storie curiose e poco conosciute.

 

La quarta e ultima sezione Identità e Innovazione testimonia, invece, come i musei e gli archivi di impresa siano da una parte luoghi preziosi di conservazione e valorizzazione di una risorsa difficilmente imitabile come l’eredità storica e culturale dell’impresa stessa e, dall’altra, una preziosa fonte di ispirazione nello sviluppo di nuove strategie aziendali, offrendo anche lo spunto per iniziative volte a rafforzare il senso di appartenenza ad un insieme di valori che affonda le radici in una storia condivisa.

 

Una quinta sezione è rivolta alla valorizzazione di Museimpresa – Associazione Italiana dei Musei e Archivi d’Impresa, nata a Milano nel 2001 per volontà di Assolombarda, con l’obiettivo di individuare, promuovere e mettere in rete le imprese che hanno scelto di privilegiare la cultura nelle proprie strategie di comunicazione, come strumento di sviluppo economico e valore aggiunto per l’azienda.


Non vecchi oggetti e carte polverose, quindi, ma un mondo sorprendente che offre la possibilità al visitatore di tuffarsi negli ultimi 100 anni di storia, attraverso materiale filmico e fotografico, oggetti e prototipi, bozzetti, manifesti, lettere e disegni provenienti dalle collezioni delle più importanti aziende del nostro Paese, passando dal food e beverage, ai motori, dalla moda al design .
 

La mostra espone solo una piccola ma significativa parte di raccolte che, prese tutte insieme, offrono uno straordinario affresco dell’evoluzione della società nell’ultimo secolo e ci ricordano il ruolo fondamentale che il mondo dell’impresa ha avuto nel formare e arricchire la nostra cultura. In questa cornice è facile cogliere l’importanza che i musei e gli archivi d’impresa rivestono nel conservare e valorizzare questo ricchissimo patrimonio storico.


In occasione della mostra saranno, inoltre, disponibili alcuni racconti sonori – realizzati dagli ideatori e dai produttori di Destini Incrociati e Magnifici Destini in onda su Radio24 che andranno ad arricchire di contenuti la mostra. Potranno sia essere ascoltati all’interno dello spazio espositivo sia fruiti attraverso il sito di Museimpresa e il portale di racconti Portlandradio.net.

Un modo diverso di vedere e vivere la mostra stessa, di allargare a nuovi pubblici, lasciandosi guidare dalle storie degli oggetti esposti e degli uomini che li hanno immaginati.


La parte multimediale è stata sviluppata dalla Riccardo Mazza / Interactive Sound; la parte grafica è stata realizzata da Thomas Berloffa Design Studio, mentre l’allestimento da Sermedia.


La mostra è patrocinata dal Ministero dei Beni Culturali e da Assolombarda, in collaborazione con MinaDesign, azienda specializzata nella creazione di prodotti e accessori di design per il food e il beverage.

A cura di

Ti potrebbe interessare anche...

Mario Franzino (Guest di Brandforum), Former Ceo BSH Italia e Consulente manageriale, in questo interessante articolo di Business People propone una riflessione molto attuale sull'importanza di una buona leadership.
Mario Franzino (Guest di Brandforum), Former Ceo BSH Italia e Consulente manageriale, in questo interessante articolo di Business People propone una riflessione molto attuale sull'importanza di agire.