Henkel festeggia 140 anni dalla fondazione
News
Henkel festeggia 140 anni dalla fondazione
26/09/2016

Era il 26 settembre 1876 in Germania, proprio 140 anni fa, quando Fritz Henkel insieme a due soci fondò Henkel & Cie ad Aachen (www.henkel.com).   Qualche anno più tardi rilevò l’azienda e trasferì la sede a Düsseldorfd, dando inizio alla storia della celebre multinazionale che conta 50.000 dipendenti nel mondo ed un fatturato complessivo […]

Era il 26 settembre 1876 in Germania, proprio 140 anni fa, quando Fritz Henkel insieme a due soci fondò Henkel & Cie ad Aachen (www.henkel.com).

 


Qualche anno più tardi rilevò l’azienda e trasferì la sede a Düsseldorfd, dando inizio alla storia della celebre multinazionale che conta 50.000 dipendenti nel mondo ed un fatturato complessivo di oltre 18 miliardi di euro.

 

 

Fritz Henkel è stato un vero pioniere in molti campi e vogliamo continuare a tenere vivo il suo spirito imprenditoriale”, ha affermato Simone Bagel-Trah, Presidente del Consiglio di sorveglianza e del Comitato degli azionisti di Henkel, nonchè discendente in linea diretta del fondatore.

 

Da 140 anni Henkel è sinonimo di marchi e prodotti di successo, che si sono affermati a livello globale grazie all’impegno e la passione dei nostri dipendenti”.

 

 

Ma quali sono i suoi brand? Per citarne alcuni: Dixan, Pril, Testanera, Neutromed, Loctite e Persil.

 

E i prodotti? Il primo ad essere messo in commercio fu “Henkel’s Bleich-Soda”, nel 1878. Si trattava di uno sbiancante a base di carbonato di sodio, sviluppato da Fritz Henkel in persona con l’obiettivo di semplificare e migliorare la vita quotidiana.

 

 

Qualche anno più tardi venne lanciato Persil, “il primo detersivo autoattivo al mondo in grado di smacchiare e sbiancare senza cloro”. Persil (il cui nome deriva dagli ingredienti principali, ovvero perborato e silicato di sodio) ebbe anche un ruolo per così dire “sociale” e d’avanguardia, in quanto si proponeva di eliminare la fatica del lavaggio a mano – pratica che andava per la maggiore, aumentando l’igiene del bucato. Questo prodotto rappresentò un’innovazione anche dal punto di vista del marketing e della creatività pubblicitaria.

 

 

All’inizio degli anni Venti, nel primo dopo guerra, l’azienda non riusciva ad approvvigionarsi dei materiali necessari a incollare il packaging dei prodotti e decise quindi di realizzarli in casa. Questa necessità interna fu la svolta che segnò l’ingresso di Henkel nel mercato degli adesivi. La sua presenza in questo mercato è stata consolidata grazie all’acquisizione di Loctite Corporation (1997) e National Starch (2008).

 

 

Nel 1995, invece, venne acquistato il brand Schwarzkopf, specializzato nella cura per i capelli, che permise l’entrata  nel mercato della cosmetica – segmento Beauty Care.

 

 

Le strategie di Henkel, negli ultimi anni hanno contemplato anche lo sviluppo sostenibile, questo per la necessità interna all’impresa di bilanciare il successo economico con la responsabilità sociale e ambientale. Henkel è stato "tra i primi a dotarsi di un sistema integrato per la gestione della sostenibilità e investire nello sviluppo di prodotti con un ridotto impatto ambientale (es. detersivi per il bucato privi di fosfati)".

 


L’obiettivo per il futuro è la Strategia di Sostenibilità 2030: l’azienda sta lavorando per aumentare il valore creato, oltre a rendere più efficienti tutti i prodotti e i processi.

 


Per approfondimenti sulla timeline della storia di Henkel: http://timeline.henkel.com/

 

A cura di

Ti potrebbe interessare anche...

Mario Franzino (Guest di Brandforum), Former Ceo BSH Italia e Consulente manageriale, in questo interessante articolo di Business People propone una riflessione molto attuale sull'importanza di una buona leadership.
Mario Franzino (Guest di Brandforum), Former Ceo BSH Italia e Consulente manageriale, in questo interessante articolo di Business People propone una riflessione molto attuale sull'importanza di agire.