IED al Festival della Crescita a Milano
News
IED al Festival della Crescita a Milano
13/10/2015

IED – Istituto Europeo di Design – parteciperà il 15 e 16 ottobre 2015 al Festival della Crescita, il progetto ideato da Francesco Morace di Future Contest Lab e realizzato in occasione di Expo 2015. L’evento si svolgerà dal 15 al 18 ottobre a Milano presso il Palazzo delle Stelline e si proporrà articolato palinsesto […]

IED – Istituto Europeo di Design – parteciperà il 15 e 16 ottobre 2015 al Festival della Crescita, il progetto ideato da Francesco Morace di Future Contest Lab e realizzato in occasione di Expo 2015. L’evento si svolgerà dal 15 al 18 ottobre a Milano presso il Palazzo delle Stelline e si proporrà articolato palinsesto fatto di workshop, incontri, convivi e iniziative social.

 

L’obiettivo del Festival è la creazione di un circolo virtuoso tra i protagonisti della crescita e dello sviluppo, dalle imprese ai creativi, dai cittadini alle istituzioni, fino a studenti e professionisti, con lo scopo ultimo di innovare il “Sistema Italia”.

 

 

 


In quest’ottica IED sarà presente per portare il proprio punto di vista sul tema e proporre innovativi momenti di riflessione.


In rappresentanza saranno ospiti Maurizio Cortese, Direttore Generale di IED, che interverrà durante il convivio “Educare alla Crescita” insieme a Luigi Proserpio, Andrea Rurale e Davide Fassi. L’incontro, che avrà luogo il 15 ottobre alle 17.00 nella Visions Hall, sarà condotto dal filosofo Franco Bolelli.

 


Venerdì 16 ottobre, invece, dalle ore 10.00 alle 16.30 saranno gli #SmartCitizen dell’Accademia di Belle Arti Aldo Galli IED Como del Corso di Fashion & Textile Design a condurre il workshop “IED SmartCitizen”, curato da Carlo Infante e Salvatore Amura, Direttore dell’Accademia di Belle Arti Aldo Galli IED Como. L’obiettivo sarà individuare i luoghi della città di Milano che hanno una forte connotazione smart.
All’inizio del workshop, infatti, sarà dato ai partecipanti un brief per guidare all’osservazione attiva e alla ricerca degli spazi che siano in linea con il concetto di città smart.

 

A partire dalle 18.30, infine, Stefano Cardini, Direttore Accademico IED, Giovanni Petrini, Carlo Infante e Emanuela Bonetti, moderati da Salvatore Amura, condurranno un talk di sintesi sul lavoro svolto.

 

Il Festival della Crescita rappresenta per IED l’occasione per raccontare la propria esperienza nel mondo della formazione e dell’educazione  – dichiara Maurizio Cortese, Direttore Generale del Gruppo – in un contesto di questo tipo, IED fornisce, attraverso l’arte del saper fare che da sempre lo caratterizza, un contributo alla trasformazione delle città in smart city. IED rappresenta, infatti, un vero e proprio laboratorio che ha l’obiettivo di offrire a giovani creativi una cultura del progetto, formando così professionisti capaci di produrre valore attraverso il proprio pensiero critico e di muovere in modo forte e positivo il dibattito che ruota intorno al design del territorio in cui viviamo”.

 

 

Con il workshop SmartCitizen, IED propone il suo punto di vista sulla trasformazione che le nostre città stanno vivendo – dichiara Salvatore Amura, Direttore dell’Accademia di Belle Arti Aldo Galli IED Como – L’osservazione attiva di Milano e dei suoi luoghi più smart sarà per gli studenti l’opportunità per coniugare il sapere accademico e il sapere pratico, imparando a sviluppare la propria autonomia progettuale e ponendo l’attenzione su una tematica – le smart city – fortemente legata all’attualità.”
 

A cura di

Ti potrebbe interessare anche...

Valfrutta e Disney hanno collaborato per la creazione di tre nuovi packaging per i frullati 100% Veggie della cooperativa bolognese, mettendo in risalto la figura di Topolino, rivisitata in chiave artistica.
La collaborazione tra Barbie e Kartell unisce lo stile iconico di Barbie al design d'interni di Kartell, creando una serie di giocattoli e pezzi per adulti che esprimono eleganza e innovazione. La "Barbie x Kartell seating collection" comprende giocattoli ispirati a cinque sedie iconiche di Kartell, reinterpretate con il tocco distintivo di Barbie.