Il real-time marketing è sempre più social
Brand Trends
Il real-time marketing è sempre più social
25/02/2016

Federica Lusenti, Redattore Junior di Brandforum.it
#petaloso e Facebook #reactions: casi di real-time marketing o meglio di real-time communication?

Nella giornata di ieri, due sono le notizie che hanno mosso brand e utenti nella direzione del real-time marketing: #petaloso e Facebook #Reactions.

 


Ma andiamo per ordine. Durante il pomeriggio di martedì 23 febbraio, un’insegnante di una scuola elementare di Ferrara, Margherita Aurora, ha pubblicato un post sulla propria pagina Facebook (che in poco tempo ha ottenuto oltre 80.000 condivisioni) che dice: “Qualche settimana fa, durante un lavoro sugli aggettivi, un mio alunno ha scritto di un fiore che era "petaloso". La parola, benché inesistente, mi é piaciuta, così ho suggerito di inviarla all'Accademia della Crusca per una valutazione. Oggi abbiamo ricevuto la risposta, precisa ed esauriente. Per me vale come mille lezioni di italiano. Grazie al mio piccolo inventore Matteo”.

 


Sì perché l’Accademia della Crusca ha risposto, sostenendo che la parola sia “bella” e “chiara”. C’è solo un ostacolo: un termine entra a far parte del vocabolario comune solo quando il suo utilizzo diventa diffuso tra il popolo. Detto fatto. La rete si è mobilitata in massa per aiutare il piccolo Matteo a diffondere la sua “invenzione”: da noti colossi del panorama nazionale e internazionale, tra cui Fiat, Samsung, Ceres, Lego (solo per citarne alcuni) a pagine meno conosciute, un unico coro che ha alimentato l’uso di #petaloso, hashtag che è entrato subito e in maniera del tutto organica nei trending topic del giorno.

 


Anche noi di Brandforum ci siamo lasciati coinvolgere e prendendo spunto dal suggerimento di Treccani nel provare a sostituire aggettivi in poesie, canzoni o citazioni con il nuovo vocabolo, abbiamo rivisitato una nota citazione di Aristotele (link).

(Si rimanda alla gallery dedicata sulla pagina Facebook di Brandforum per vedere tutte le creatività fino ad ora raccolte).

 

 

Petaloso, però, non è stato l’unico tema che ha attratto su di sé l’attenzione delle social community. Infatti, ieri è stato annunciato anche l’arrivo di Facebook #Reactions, le cinque nuove emozioni universali che si aggiungono al famoso like: love, ahah, wow, sigh e grr. Funzione non da subito disponibile per tutti su desktop e mobile browser, mentre già attiva su smartphone.

 


C’è chi le ama e chi già non le sopporta, fatto sta che il colosso di Menlo Park ha ancora una volta fatto parlare di sé e brand e utenti ne hanno approfittato per proporre le proprie #reactions: da Camparisoda che aggiunge quella per l’aperitivo, a Vitasnella e Activia che hanno proposto una GIF con le diverse emozioni.

 


C’è chi addirittura ha unito #petaloso alle nuove Facebook emoji: un esempio è Samsung Mobile Italia, che, in concomitanza con la presentazione del nuovo GalaxyS7edge, ha proposto un’icona a forma di fiore (link). Voi quale nuova emozione proporreste?

 

 

Per concludere, possiamo affermare che ormai il real-time marketing è sempre più social, i brand continuano a rincorrere (e provano ad anticipare) trend nascenti, con l’obiettivo non solo di ingaggiare la propria community ma di essere ricordati per il guizzo creativo (in realtà proprio delle agenzie) che gli permette di inserirsi nel flusso continuo e veloce di conversazioni online.

 


Commentando ieri in redazione questa serie di fenomeni, il nostro Direttore Patrizia Musso ha affermato che sarebbe molto interessante capire i reali effetti sul marketing di questi prodotti che sicuramente  agiscono su visibilità, comunicazione e reputation. In quest’ottica potrebbe essere più opportuno parlare di real time communication.

 

Voi cosa ne pensate? Potete inviare i vostri commenti in redazione a info@brandforum.it oppure postare le vostre reactions sul nostro wall di Facebook.
 

 

A cura di

Federica Lusenti

Redattore Senior
Social Media Manager Assistant

Collabora con Brandforum da settembre 2013.

Dopo aver concluso con lode la laurea triennale in Scienze Linguistiche presso l'Università Cattolica di Milano con una tesi sulla comunicazione digitale dei luxury brands, a luglio 2014 ha conseguito con lode la laurea magistrale in Comunicazione per l'impresa, i media e le organizzazioni complesse, con una tesi sperimentale sulla misurazione della brand awareness sui canali digitali.

Nell’estate 2012 ha partecipato al Summer Program in Public Speaking, Interactive Marketing & Event Management presso la Boston University e nell’estate 2013 a quello in Social Media Marketing presso la Michigan State University.

Appassionata di marketing e comunicazione digitale, ha lavorato come Social Media Manager in alcune importanti agenzie di comunicazione milanesi. Attualmente è Corporate Social Media Specialist in Luxottica.

Profilo LinkedIn

Ti potrebbe interessare anche...

Abbiamo assistito al WOBI 2022 "The age of ideas". Tra le novità proposte quelle legate alla leadership e al benessere organizzativo: i dipendenti inizieranno a ballare sulle scrivanie?
Presentato in occasione della Milano Green Week, "Comunicazione, marketing e sostenibilità ambientale" è il nuovo volume sul tema della CSR che raccoglie norme, principi e pensieri di professionisti dalle diverse sensibilità, offrendo uno spaccato di quella che è la normativa vigente, la sua genesi e i principi che sottendono un corretto agire nel mondo della comunicazione d’impresa.