Napoli: valorizzare la città attraverso un contest su Facebook
News
Napoli: valorizzare la città attraverso un contest su Facebook
31/03/2015

È innegabile che oggi il mondo digital occupi un ruolo centrale nella nostra quotidianità, tanto da avere la parvenza – a volte – di vivere quasi interamente all’interno della realtà digitale. Un esempio sono il numero sempre crescente di app che, con l’obiettivo di semplificare il nostro vivere quotidiano e rendere tutto a portata di […]

È innegabile che oggi il mondo digital occupi un ruolo centrale nella nostra quotidianità, tanto da avere la parvenza – a volte – di vivere quasi interamente all’interno della realtà digitale. Un esempio sono il numero sempre crescente di app che, con l’obiettivo di semplificare il nostro vivere quotidiano e rendere tutto a portata di un “click” sullo smartphone, ci permettono di conoscere realtà spesso distanti dalla nostra.

 

Altro esempio sono i social media, strumenti che utilizziamo in modo sempre più preponderante per vari scopi: informarci, condividere contenuti interessanti, stringere nuove conoscenze, relazionarsi con i brand e tanto altro ancora. Al tempo stesso anche le aziende li utilizzano per comunicare con i propri stakeholder con l’obiettivo, tra gli altri, di far nascere un dialogo maggiormente paritario e informato nei soggetti coinvolti.

 

Il Comune di Napoli ha deciso di “sfruttare” la potenza comunicativa dei trend digitali del momento per valorizzare e far conoscere alcuni dei posti più belli e significativi della città.
I luoghi prescelti saranno infatti descritti e geo-localizzati in una nuova app mobile gratuita, che sarà disponibile a breve sia in italiano che in inglese nei principali online store.

 

Per anticipare e pubblicizzare il lancio di questa nuova app, il Comune di Napoli ha realizzato un contest su Facebook, strutturato come un test psicologico sul cinema per scoprire quale film girato a Napoli più ci rappresenta.

 

Perché proprio il cinema?

 

Il rapporto tra Napoli e il cinema è sempre stato forte e denso di significato, fonda infatti le sue radici indietro nel tempo: dai fratelli Lumière che visitarono e filmarono alcuni dei luoghi più significativi della città (il porto, via S.Lucia, via Toledo) fino a grandi autori come De Sica, Pasolini, Troisi, Sorrentino e molti altri ancora. Tutti responsabili di aver fatto conoscere nel mondo tanti aspetti della città partenopea attraverso la pellicola cinematografica.

 

Oggi scoprire Napoli attraverso il cinema può rappresentare, grazie all’utilizzo della app dedicata e del contest su Facebook, un’interessante prospettiva per svelare luoghi insoliti, o meno noti, resi immortali nelle opere cinematografiche.

 

Come fare? I partecipanti al contest potranno scoprire a quale dei 4 profili psicologici appartengono: Passione di John Turturro; L'oro di Napoli di Vittorio De Sica; Pacco, doppio pacco e contro-paccotto di Nanny Loy, Scusate il ritardo di Massimo Troisi.
Oltre a misurare le proprie conoscenze in ambito cinematografico, ogni partecipante al contest potrà diffondere l'esito del quiz tra le proprie cerchie di appassionati di cinema, arte e cultura, come avviene solitamente sulle principali piattaforme social.

 

I più coinvolti, secondo la logica dilagante dei UGC (User Generated Content), potranno poi contribuire essi stessi alla costruzione dei contenuti dell'app, suggerendo film, location e set cinematografici ambientati nella città di Napoli, inviando un’e-mail all'Ufficio Cinema del Comune di Napoli per vedere i propri suggerimenti inseriti successivamente nell'app.

 

Un interessante esempio di come realtà on e offline possano influenzarsi e arricchirsi a vicenda, creando nuovi contenuti.
 

Buzzoole

A cura di

Ti potrebbe interessare anche...

Mario Franzino (Guest di Brandforum), Former Ceo BSH Italia e Consulente manageriale, in questo interessante articolo di Business People propone una riflessione molto attuale sull'importanza di una buona leadership.
Mario Franzino (Guest di Brandforum), Former Ceo BSH Italia e Consulente manageriale, in questo interessante articolo di Business People propone una riflessione molto attuale sull'importanza di agire.