Stereotipi pubblicitari femminili: tre sfide
Brand Trends
Stereotipi pubblicitari femminili: tre sfide
11/03/2014

Annamaria Testa, Founder Nuovo e Utile, Guest di Brandforum.it
L’intervento di Annamaria Testa al recente Convegno “Donna è…” (organizzato da Rai a Roma)sul tema donne, pubblicità, stereotipi, unito a una serie di utili riferimenti e link tratti dall’evento.

Ringraziamo Annamaria Testa e Nuovo e Utile per la gentile concessione alla ripubblicazione del pezzo.

 

Rieccomi a parlare di donne, pubblicità e stereotipi al convegno Donna è…, organizzato da Rai a Roma. Sala piena, interventi interessanti e, per fortuna, poche dichiarazioni di circostanza. Sono arrivati anche Clio e Giorgio Napolitano.

 

Qui il servizio di Rainews con alcune considerazioni sul costo della disparità di genere per il paese, e la chiara segnalazione, da parte della presidente Rai Anna Maria Tarantola, del ruolo rilevante che la tv assolve in termini di diffusione di modelli di ruolo e di costruzione di un immaginario collettivo. Qui alcuni interventi (questo è un video lungo, ma vi consiglio di dargli un’occhiata) su donne, innovazione e scienza. Qui il discorso conclusivo di Tarantola.

 

Il tema degli stereotipi pubblicitari femminili è ispido, non manca di suscitare controversie, è a sua volta a rischio di lettura stereotipata o ideologica, e per essere compreso fino in fondo necessita di frequenti escursioni tra mille questioni giuridiche o tecnico-esecutive. Oltretutto, la situazione si sta evolvendo piuttosto rapidamente e forse ci siamo allontanate a sufficienza dagli eccessi che solo pochi anni fa sembravano la regola.


Con meno di dieci minuti a disposizione, ho preferito limitare il discorso alla pubblicità televisiva e dire tre cose molto chiare, corredate da alcuni dati:


1) la pubblicità è una quota minoritaria di ciò che viene trasmesso, ma è suggestiva, e conta molto.


2) Il peso delle donne è quantitativamente assai maggiore negli spot televisivi (80% secondo il monitoraggio adci) che nella programmazione. Ma è sulla qualità delle rappresentazioni che c’è da migliorare, non solo eliminando gli spot palesemente offensivi – questo già viene fatto –  ma moltiplicando le rappresentazioni virtuose, fino a sostituire, auspicabilmente, quelle più sciocchine, riduttive e banalizzanti, che oggi sono una parte non esigua.


3) Bisogna ottenere maggior varietà e maggiore verità nelle rappresentazioni femminili: lavorare sulla moltiplicazione dei modelli di ruolo proposti, su una migliore rappresentazione anagrafica (le over 55 appaiono raramente in pubblicità anche se contano per oltre il 25% dei consumi) e bisogna smetterla con la stucchevole omologazione dei tipi fisici (la quale, tra l’altro, non risparmia nemmeno gli uomini).


Qui trovate le immagini della presentazione. Qui il testo che ho preparato per accompagnarla. Testo e immagini andrebbero considerati insieme.


Eccovi infine, un’ampia raccolta di spot internazionali sulle madri, se per caso volete avere un’idea della quantità di modi in cui  perfino questo ruolo, che sembra massimamente stereotipato, si può raccontare in pubblicità.

 

—————————


Fonte paper: http://nuovoeutile.it/donne-pubblicita-stereotipi-2/#sthash.ZMnmWvtz.dpuf

 

Altri riferimenti utili: http://annamariatesta.it/

 

 

 

Allegati

A cura di

Annamaria Testa

Copywriter. E' autrice di numerosi articoli e saggi sul tema della comunicazione.

Ti potrebbe interessare anche...

La sempre maggiore attenzione verso i valori di sostenibilità e responsabilità sociale da parte dei consumatori ha fatto sì che anche alcuni brand del settore beauty realizzassero concrete iniziative sostenibili. Vediamo insieme i casi Nivea, Yves Rocher e Garnier.

Prima dell’uscita di Brand activism. Dal purpose all’azione di Kotler e Sarkar, avevamo già individuato come il necessario allineamento tra telling e doing fosse un trend da non sottovalutare: ne è prova il caso Under Armour.