Slow spot natalizi: aiutaci a scegliere la Top 5 di Brandforum!
Brand Trends
Slow spot natalizi: aiutaci a scegliere la Top 5 di Brandforum!
09 Dicembre 2020

SLOWBRAND

Quali sono gli slow spot natalizi più belli del 2020? Contribuisci a creare la Top 5 di Brandforum: scopri quali sono i brand in gara e come votare all’interno del nostro paper!

A causa dell’emergenza sanitaria dovuta al Covid-19, quest’anno il Natale sarà indubbiamente diverso dal solito: niente cenoni o pranzi in grande, niente abbracci e ritrovi fisici ma soltanto virtuali.

Come abbiamo potuto notare, anche i brand sembrano essere stati colpiti dalla situazione: non molti di loro hanno infatti rilasciato, come al solito, uno spot natalizio.

Nonostante questo, alcuni marchi hanno creato degli spot ad hoc per questo periodo festivo: Brandforum ha deciso di stilare una Top 5 degli slow spot natalizi più belli del 2020.

COME VOTARE?

Potete votare i vostri spot preferiti che andranno a comporre la nostra Top 5 nei sondaggi presenti nelle stories del nostro profilo Instagram (per votare su Instagram, clicca qui) e sulle card presenti nella nostra pagina Facebook (per votare su Facebook, clicca qui). Sarà posibile votare su Facebook fino al 16 dicembre, mentre su Instagram fino alle ore 17 del 10 dicembre.

Qui di seguito potete vedere (con calma) i video dei 10 spot che sono stati scelti dalla Redazione di brandforum.it. Aiutateci a selezionare i migliori per creare la Top 5 finale.

AMAZON

JOHN LEWIS & PARTNERS

DISNEY

PANDORA

MCDONALD'S

BAULI

CARREFOUR

ALDI UK

​​​​​​​

COCA-COLA

​​​​​​​

XFINITY

​​​​​​​

 

A cura di

Redazione Brandforum.it

Ti potrebbe interessare anche...

La sempre maggiore attenzione verso i valori di sostenibilità e responsabilità sociale da parte dei consumatori ha fatto sì che anche alcuni brand del settore beauty realizzassero concrete iniziative sostenibili. Vediamo insieme i casi Nivea, Yves Rocher e Garnier.

Brand Trends
Under Armour alla prova del Brand Activism
02 Marzo 2021

SLOWBRAND
GIOVANI
DIGITAL

Prima dell’uscita di Brand activism. Dal purpose all’azione di Kotler e Sarkar, avevamo già individuato come il necessario allineamento tra telling e doing fosse un trend da non sottovalutare: ne è prova il caso Under Armour.