Brand (vs) social media   oppure brand (+) social media?
Brand Trends
Brand (vs) social media oppure brand (+) social media?
21/03/2008

Luca De Fino, Ogilvy Italia
Per gentile concessione dell’agenzia Ogilvy ItaliaScontro o dialogo? Incompatibilità  o convivenza felice? Basta cambiare un simbolo o una parola ed ecco che i rapporti tra due mondi che apparente […]

Per gentile concessione dell’agenzia Ogilvy Italia

Scontro o dialogo? Incompatibilità  o convivenza felice? Basta cambiare un simbolo o una parola ed ecco che i rapporti tra due mondi che apparentemente sembrano lontani, si compenetrano e dialogano oppure si scontrano in una logica di difesa e sopraffazione.
E’ ormai assodato che il rapporto tra consumatori e marche è definitivamente mutato e che il potere delle persone di esprimere se stesse attraverso quelli che noi definiamo media sociali, ha definitivamente messo a nudo le aziende, le quali sempre di più sono chiamate a identificare e interpretare i bisogni degli utenti per offrire loro un valore, mai come oggi, vero e non presunto.

Fighting or happy relationship? In this article, we will describe and analyze the relationship between brands and social media: can it be considered a step forward for corporate communications, or is it something that could be dangerous for companies’ reputation?
It’s pretty clear that the relationship between brands and consumers has changed, since people can now share their opinions trough social media. This phenomenon has put companies on the spot: they are now called to listen to consumers’ needs and offer them a tangible value that could engage them positively.

Allegati

A cura di

Ti potrebbe interessare anche...

Negli ultimi anni, le produzioni audiovisive e il Branded Entertainment hanno cominciato a raccontare anche i luoghi: sono molte le produzioni che si stanno avvicinando a questa pratica, promuovendo e valorizzando il territorio attraverso destination branding e place branding.
Green marketing o greenwashing? Come sviluppare efficaci strategie in ottica di sostenibilità: i casi Lush e L’Oréal.