Slow Interview #9: Sofidel e il podcast sulle professioni green
Slow Brand
Slow Interview #9: Sofidel e il podcast sulle professioni green
08/01/2024

EVENTI
SLOWBRAND

Continuiamo con le Slow Interview, una serie di paper-intervista ai referenti delle Nomination di #SBF2023, realizzati con la collaborazione dei membri della nostra Giuria Under30: il nono episodio riguarda Sofidel, nominato per la categoria Slow Web con il podcast “Il mio futuro è green: le professioni verdi”.

Prosegue l’appuntamento con le Slow Interview, realizzate grazie alla collaborazione dei brillanti studenti che hanno preso parte alla Giuria Under30 della Sesta Edizione dello Slow Brand Festival, l’evento dedicato alle dinamiche Slow ideato dal nostro Direttore Patrizia Musso e dalla Redazione di Brandforum.it. I membri della Giuria di #SBF2023 hanno infatti “adottato” alcune Nomination dell’edizione di quest’anno, intervistando i referenti e approfondendo le tematiche #Slow che hanno reso e rendono il caso saliente nell’ottica Slow Brand.

La nona Slow Interview che vi proponiamo riguarda il progetto di branded podcast “Il mio futuro è green: le professioni verdi” di Sofidel, realizzato in collaborazione con Podcastory, che ha ottenuto il secondo posto nella categoria Slow Web dello Slow Brand Festival 2023. Il paper è stato realizzato grazie alla collaborazione di Veronica Minardi.

La forma di comunicazione Slow realizzata da Sofidel e Podcastory permette di coinvolgere gli utenti dei social media, attraverso l’utilizzo delle migliori potenzialità del web: il progetto narra l’impegno dei giovani per un futuro più green, in cui i protagonisti delle storie, intervistati dall’attore e doppiatore Stefano Fresi, raccontano le loro professioni, a volte non convenzionali, a sostegno del pianeta.

Immagine 1 – Copertina delle puntate del podcast (Fonte: link).

Luca Morpurgo, vicepresidente di Podcastory, svela in quest’intervista alcuni interessanti dettagli sulla realizzazione del progetto.

È imprescindibile sottolineare l’efficacia della forma di comunicazione adottata. Il podcast rappresenta una delle nuove frontiere del genere “slow”. Il podcast, in quanto tale, costituisce un formato di contenuto che può assumere la forma di un articolo informativo o di branded content, rappresentando una modalità di comunicazione. La sua forza risiede nella sua capacità di contaminazione: da un lato, funge da veicolo di informazioni su determinati temi per gli utenti, mentre, dall’altro, offre alle aziende la possibilità di associarsi a tali contenuti per affermare che ciò che l’azienda realizza, in termini di prodotti e servizi, è coerente con le informazioni trasmesse. Si crea così un’associazione tra contenuto e comunicazione in modo non invasivo: si tratta di comunicazione, non di pubblicità, e la differenza è significativa. L’efficacia dell’operazione dipende dal rapporto tra la presenza dell’azienda e il contenuto, infatti, risulta fondamentale individuare il miglior trait d’union. L’azienda, afferma Morpurgo, svolge un ruolo cruciale: “Quando essa utilizza il proprio budget di marketing per investire in comunicazione, uno degli obiettivi principali è comunicare il marchio, promuovere offerte o affermare le caratteristiche dei prodotti in modo chiaro e incisivo, avvicinandosi più all’advertising che alla comunicazione. Nel caso in cui un’azienda opti per questa modalità, il lavoro diventa complesso, allontanandosi dal concetto di branded content per approdare a quello di “spottone”, con il rischio che il pubblico non ascolti”. Il caso di Sofidel diventa perciò un riferimento: i risultati di ascolto ottenuti sottolineano il successo di un lavoro equilibrato.

Il lavoro di realizzazione del podcast “Il mio futuro è green: le professioni verdi” è il risultato dell’incontro delle competenze e delle capacità di Podcastory e di Sofidel. Podcastory ha proposto a Sofidel una forma di comunicazione innovativa e avanzata, e Sofidel, che ha dimostrato di essere un’azienda “illuminata”, ha subito accolto l’idea e accettato di svilupparla insieme. Stabiliti gli obiettivi condivisi, Podcastory ha lavorato su un vero e proprio brief, concordando con l’azienda il messaggio da comunicare. Il processo di realizzazione del progetto è sempre stato seguito dai due team: il numero di puntate, i temi affrontati, il tone of voice e i focus. Dopo aver ricevuto la green light dal cliente, Podcastory ha registrato il contenuto.

Immagine 2 – Frame dalla pagina “#LaNostraCartaMigliore”, presente sul sito di Sofidel (Fonte: link).

Il progetto di Sofidel parla ai giovani di giovani che hanno a cuore le tematiche della sostenibilità ambientale. Comunicare la sostenibilità risulta oggi di estrema importanza e avere un occhio di riguardo alla sostenibilità è obbligatorio ed è necessario farlo interagendo con i giovani che sono il futuro del mondo, ed è quindi fondamentale che vengano sensibilizzati sull’argomento. Le pratiche messe in atto nel presente avranno un impatto diretto e tangibile sulla vita dei giovani. “La sostenibilità trova terreno molto fertile perché tra i giovani di oggi c’è una grandissima sensibilità rispetto all’argomento. Nessuno può più far finta di non aver visto o sentito personaggi come Greta Thunberg che hanno acceso un riflettore sul tema, portando un beneficio tangibile. Si tratta della punta di un iceberg che emerge sempre di più a cui i giovani sono molto più sensibili di prima: si tratta di una conquista importantissima dove la comunicazione ha avuto un ruolo determinante” sottolinea Morpurgo.

I primi episodi del podcast sono stati pubblicati nel mese di giugno del 2021, seguiti da ulteriori due episodi rilasciati a dicembre del 2022. Questi contenuti sono integrati nel contesto più ampio del macro-progetto denominato #LaNostraCartaMigliore, il quale prevede una fase successiva di sviluppo prevista per la primavera del 2024. Il filo conduttore sarà ancora la sostenibilità, che fungerà da guida per Podcastory e Sofidel nel processo di innovazione dei linguaggi.

Vi aspettiamo per i prossimi appuntamenti con le Slow Interview Stay tuned!

Si ringrazia Veronica Minardi per aver contribuito alla realizzazione e alla stesura di questo paper.

A cura di

Ti potrebbe interessare anche...

Proseguiamo con le Slow Interview, una serie di paper-intervista ai referenti delle Nomination di #SBF2023, realizzati con la collaborazione dei membri della nostra Giuria Under30: il tredicesimo episodio riguarda AIP Porte con la campagna #CheTeNeImPorta!, nominata per la categoria Slow Web.
Continuiamo con le Slow Interview, una serie di paper-intervista ai referenti delle Nomination di #SBF2023, realizzati con la collaborazione dei membri della nostra Giuria Under30: il dodicesimo episodio riguarda Maria Teresa Forti, nominata per la categoria Slow Boss.